Rubesco 2020 magnum

- Umbria

Rubesco 2020 magnum
Rubesco 2020 magnum

L'immagine è solo a scopo illustrativo e potrebbe non rappresentare il prodotto reale.

Il vino Rubesco Torgiano DOC è un’etichetta con firma Lungarotti. Questo rosso originario della zona di Torgiano (PG) esprime gli aspetti più tipici dell’enologia della sua terra, con un carattere complesso e morbido. Rubesco predilige la compagnia di primi piatti robusti, carni rosse alla griglia, selvaggina, cacciagione e pollame nobile.

Rubesco 2020 magnum Lungarotti price

24,02 €



Punti fedeltà

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 2 punti fedeltà. Il tuo carrello conterrà un totale di 2 punti da poter convertire in un buono di 1,00 €.

Scheda tecnica

NomeRubesco
ProduttoreLungarotti
Annata2020
DenominazioneTorgiano DOC
RegioneUmbria
Zona di produzioneTorgiano (PG)
VitignoSangiovese e Colorino
Gradazione alcolica14%
Formatomagnum (150 cl)
Temperatura di servizio16-18 °C
Abbinamentiprimi piatti robusti, carni rosse alla griglia, selvaggina, cacciagione e pollame nobile

Più informazioni

Il Rubesco è un vino Torgiano DOC dal colore rosso rubino e dal corpo equilibrato.

All’olfatto è speziato, con decisi richiami al pepe, al tabacco e un finale di confettura rossa e violetta. Il sapore è armonico e molto piacevole, con un retrogusto fruttato. Le uve di Sangiovese e Colorino con cui si ottiene il Rubesco Lungarotti sono allevate a cordone speronato nel terroir di Torgiano e raccolte tra settembre e ottobre.

Dopo la vendemmia, le uve fermentano in acciaio con macerazione sulle bucce per quindici giorni; il vino ottenuto, dopo una lieve filtrazione, viene affinato prima in botte per un anno e in bottiglia per un altro anno. Si ottiene così il vino Lungarotti, perfetto da abbinare a primi piatti robusti, selvaggina e cacciagione, pollame nobile e carni rosse grigliate.

Dopo il riconoscimento della DOC di Torgiano avvenuto nel 1968, il Rubesco è tra i vini più diffusi tra le etichette Lungarotti. Sulla sua etichetta è raffigurato il bassorilievo di una vendemmia con accenno alla Fontana Maggiore di Perugia, mentre il suo nome deriva dal latino “rubescere” (arrossire).

Inserisci

Nella stessa categoria